Libri per passione
Marchi di accettazione PayPal
ORTAGGI TUTTO L'ANNO

Ean13: 9788827600139
Autore: ROBERT ELGER
Editore: CASTELLO
Prezzo:15,0014,25
Q.tà:
Disponibili: >100

LA VALERIANA

La valeriana, chiamata anche dolcetta o soncino, è un ortaggio rustico ma sensibile al calore e alla siccità. Pur presentando una germinazione a volte imprevedibile, è poco esigente per quanto riguarda la qualità del terreno e, se la temperatura è favorevole, prosegue la sua crescita anche in inverno. Una semina tardiva la pone al riparo dalla proliferazione di erbe infestanti.

Necessita di un'esposizione soleggiata e si può raccogliere da ottobre a maggio.


COLTIVAZIONE
 
- Semina a dimora
Seminate a file distanziate o a spaglio, da fine luglio ad agosto per una raccolta in autunno o inverno, da settembre a inizio ottobre per una raccolta in primavera. Lavorate sommariamente il terreno prima di spargervi i semi. Rastrellate leggermente per incorporarli alla terra. Dopo la semina, pressate il terreno con i piedi e irrigate abbondantemente a pioggia.
 
- Cure colturali
Se il clima è piuttosto asciutto, la fuoriuscita delle piantine dal terreno può richiedere da 2 a 3 settimane. In ogni caso proseguite le annaffiature fino alla comparsa delle prime rosette. A partire da novembre, la posa di un telo di forzatura permetterà alla valerianella di approfittare di ogni minimo aumento di temperatura per crescere.


PRODURRE NUOVE PIANTINE

Anche se potete trovare in vendita le piantine già pronte per il trapianto, date la preferenza alla semina diretta, più gratificante in termini di raccolto.
 

LE VARIETA'

Le varietà coltivate assomigliano alla specie selvatica, anche se le dimensioni della rosetta sono inferiori. Di rusticità variabile, nessuna risente però negativamente di un inverno particolarmente rigido. Sono tutte molto simili: solo “Coquille de Louviers” si differenzia per le sue foglie molto caratteristiche a forma di cucchiaio. Le varietà recenti sono generalmente meno sensibili alle malattie crittogamiche.
• “Verte à cœur plein”, “Verte d’Étampes”, “Verte de Cambrai”, “Coquille de Louviers”, “Jade”, “Vit”.
 

COME FARE
 
- Moltiplicare la valeriana per semina spontanea
Se lasciate montare a seme qualche cespo, la valeriana di risemina spontaneamente nell’orto. In primavera conservate nell’orto alcune rosette e lasciate che producano fiori a maggio. I semi rimangono maturi a lungo, ma a partire da giugno potete estirpare le giovani piantine e deporle nel punto in cui sperate di vederle germinare in autunno. Lasciandole essiccare su un foglio di giornale, i semi cadranno da soli. A questo punto sarà sufficiente recuperarli per seminarli a estate inoltrata o in autunno, come fareste con quelli acquistati.



LA MIGLIORE TRA LE INSALATE
La valeriana presenta insospettabili proprietà dietetiche. Il suo valore nutritivo è superiore a quello di altri tipi di insalata grazie all’elevato contenuto di provitamina A, vitamine B e C. Ma non è da meno neppure per quanto riguarda l’apporto di minerali come ferro, fosforo e calcio. Povera di proteine e lipidi, è relativamente ricca di acidi grassi della serie omega-3.



Castello Chiara Edizioni Clavis Giochi Educativi Ideeali Lemniscaat Red Margherita Edizioni Tourbillon

Seguici sui social

Il Castello Editore su Facebook Il Castello Editore su Twitter Il Castello Editore su Instagram Il Castello Editore su Pinterest

Contatti

IL CASTELLO SRL a socio unico
VIA MILANO 73/75, 20010 CORNAREDO (MI)
P.IVA: 12644280153
Registro delle imprese REG.IMPR.16884/99
Capitale versato € 10.000,00

Tel. 02 / 99.76.24.33
Fax 02 / 99.76.24.45
info@ilcastelloeditore.it